Fenice di Katy Maleki: tra le pennellate dell’eleganza e la trasfigurazione artistica

Nel cuore di Certaldo alto, sabato 9 dicembre, è stata inaugurata la mostra “Fenice” di Katy Maleki, pittrice nata a Teheran e ora cittadina della città di Boccaccio. L’esposizione è un omaggio al mito della fenice, simbolo di rinascita e rinnovamento spirituale. Attraverso una serie di ritratti dai volti espressivi, l’artista porta alla luce la trasformazione e la bellezza intrinseca nella rinascita. Un tema che richiama le riflessioni dei filosofi Sufi, che elaborarono la fenice come simbolo di trasfigurazione spirituale.

Le opere sono un’armoniosa fusione di eleganza grafica e cromatica, un omaggio alla ricca tradizione della miniatura persiana di cui Katy Maleki è maestra.

L’artista. Katy Maleki ha cominciato il suo percorso artistico all’età di 13 anni, iniziando a studiare pittura nella sua città natale e continuando il suo cammino formativo all’Accademia delle Belle Arti di Teheran. Qui, ha ottenuto il diploma con specializzazione in Miniatura Persiana, un’arte antica che ha successivamente integrato nei suoi lavori, creando una fusione unica di stili e influenze. Il suo viaggio artistico l’ha poi portata in Italia nel 1993, dove ha frequentato i corsi di Nudo all’Accademia di Belle Arti di Firenze, arricchendo ulteriormente il suo bagaglio creativo. Da allora, Katy Maleki ha partecipato a numerose mostre, affascinando il pubblico con la sua padronanza tecnica e la capacità di raccontare storie attraverso il pennello.

“Siamo veramente felici che la nostra concittadina abbia deciso di arricchire Palazzo Pretorio, per questo periodo, con le sue opere – ha commentato l’assessora alla cultura Clara Conforti -. Ogni pennellata sembra narrare una storia, ogni colore evoca emozioni profonde, trasportando gli spettatori in un viaggio di scoperta e contemplazione. Invitiamo tutti a visitare questa esposizione, aperta al pubblico nei consueti orari del museo fino al 14 gennaio 2024. Un’occasione unica per immergersi nell’universo artistico di Katy Maleki, scoprendo la sua visione unica e apprezzando la bellezza intramontabile dell’arte che parla al cuore e all’anima”.